Mi hanno clonato la carta

La mia avventura inizia ieri sera, quando, alle 20.31 ricevo un sms dalla CartaSì che mi informa della richiesta di autorizzazione di 100 Euro sul sito vodafone.it. Tenuto conto che il mio cellulare non è Vodafone e che stavo cenando, l’operazione non l’ho fatta io! Ho subito bloccato la carta di credito chiamando il numero verde e mi sono riproposta, stamattina, di andare dai Carabinieri a fare la denuncia. Parto da casa alle 10.15. 1a stazione dei carabinieri: stavano imbiancando e non si poteva entrare (???). Mi hanno detto di tornare domani o lunedì… ma se fossi stata vittima di qualcosa di più grave? 2a stazione: ho provato 3 navigatori e tutti, selezionando comune e indirizzo corretti, mi portavano in un altro comune (???)… boh… misteri, alla fine ci sono arrivata nella maniera classica, seguendo i cartelli e chiedendo indicazioni ai passanti. Cmq l’Appuntato non voleva farmi fare la denuncia perché aveva bisogno dell’estratto conto che io non avevo perché ho bloccato la transazione (ora annullata) appena ho ricevuto l’sms e l’e/c arriverà tra 15 giorni… tra l’altro ho 15 giorni di tempo per mandare la denuncia alla CartaSì… beh… alla fine ha avuto un’idea geniale e ha deciso di scrivere nella denuncia che ho saputo della transazione leggendo l’sms (ma va?). Intanto sono arrivate le 11.45 e vado in banca… una filiale della Banca Popolare di Sondrio diversa da quella dove io ho il conto corrente… per farmi dare assistenza e aiutare. Mi hanno stampato il modulo da rimandare alla cartasì che mi era stato mandato ieri via mail, hanno controllato che fosse compilato correttamente e si sono occupati di fare il fax e consegnare loro tutto quanto, carta tagliata compresa anziché fare io una raccomandata. Questo è il servizio che tutte le banche dovrebbero dare e invece per la maggior parte (come confermato da amici che ci lavorano in banca) è a discrezione del singolo operatore. A casa alle 12.50

A me capitò sei anni fa e mi chiamò l’operatore di servizi interbancari, il quale vedeva che dalla mia carta c’era qualcosa di strano: una transazione di una settantina di euro a Milano. Si è insospettito e mi ha chiamato bloccando lui stesso la carta. Non ho avuto bisogno di fare nulla, ci ha pensato servizi interbancari e sono stati veramente carini. Ho saputo poi che la carta era stata clonata facendo la spesa alla Despar :uhm:

che str… :@:@:@ fortuna che te ne sei accorta in tempo ed hai bloccato la transazione…

Già il fatto che ti hanno clonato la carta è di per se un fatto gravissimo, ma vogliamo parlare dei carabinieri? ?? Ma stiamo scherzando? ?? Non esiste che perché stanno imbiancando non accettino denunce, anche perché se erano in servizio, e bada bene, servizio pagato dai cittadini, loro che facevano??? Sono molto indignata dal tuo racconto, primo per la clonazione, secondo per i carabinieri. …un plauso va alla filiale della banca che benché non fosse la tua solita banca ti ha accolto e aiutato :thumbup:. Comunque son contenta che in una mattinata si sia risolto tutto.

Con quello che sta succedendo in Italia sul femmincidio non mi meraviglio più di nulla :frowning:

mammamia Oriana che brutta avventura…:s

Che schifezza! !!! Meglio non parlare dei pedofili agli arresti domiciliari. … Vogliono togliere l’ergastolo, ma io lo farei doppio per elementi del genere!!!:@ :@ :@

Bisogna sempre sperare che non succeda mai nulla e dover incappare con la burocrazia perchè sai quando inizi ma non sai mai la fine di tutto

100€ di telefonate? E che doveva dire? :huh:

Comunque l’importante è che si sia tutto sistemato, sarebbe utile anche capire come/dove l’hanno clonata

Il servizio SMS è utilissimo… magari noioso perché, ogni volta che paghi, quasi in contemporanea il cellulare fa BEEP BEEP, ma mi ha permesso di bloccare la carta alla prima transazione non riconosciuta. Non ho la minima idea di quando me l’abbiano “rubata” perché questa è la mia carta di credito “secondaria”, la uso davvero poco. L’ultima volta l’ho utilizzata per comprare i biglietti ATM (mezzi pubblici di Milano) allo sportello automatico utilizzando il PIN ed era il 10 agosto. La volta precedente è stata a giugno pagando la Sugarbox tramite paypal. Non ho sul mio pc né on line salvati i dati della mia carta di credito. L’ultima ipotesi che mi viene in mente è che sia “successo” in albergo durante le vacanze, ma mi sembra molto strano perché il mio portafoglio con le carte era o con me o dentro la cassetta di sicurezza (con codice scelto da me) della camera dell’hotel… è vero che in direzione hanno sempre le chiavi per aprirle, ma rischiare una figura di EMME compromettendo il buon nome di una catena di alberghi (a 4 stelle, anche se non meritate) per 100€ di ricarica mi sembra strano e, soprattutto, il beneficio sproporzionato al rischio (se è un dipendente rischia il licenziamento). Cmq tutto può essere… per me la cosa più probabile è la cassa automatica della metropolitana… poi probabilmente ne hanno “fotografate” talmente tante che, ora che è toccato alla mia, sono passati 20 giorni.

Probabile, magari hanno installato sopra la tastiera o da qualche parte quei dispositivi per registrare pin e carta. Però se è dentro la metropolitana, in genere ci sono tante telecamere e c’è anche il posto con il guardiano (o almeno qui da me)…nessuno si è accorto di 1-2 tizi che armeggiano con la cassa automatica? :uhm:

Vabè che ormai se le inventano tutte e potrebbe essere una facile e veloce installazione, però boh…io andrei già a controllare se c’è qualcosa :rotfl:

È la fermata del capolinea da cui poi partono una marea di bus interurbani che servono tutto il sud milanese e lombardia (soprattutto cremona e lodi), quindi si tratta di uno spazio molto ampio impossibile da controllare da parte del controllore che sonnecchia nel suo gabbiotto anche se fosse al 100% della sua attenzione! E poi è sempre pieno di zingare che chiedono soldi e ti maledicono se non dai loro niente, extracomunitari che vendono collanine e ombrelli… in pratica, nonostante la fermata “Porto di Mare” sia poco più avanti, è un vero e proprio covo di gente poco raccomandabile che si aggira e traffica di continuo alle macchinette, magari anche solo per controllare che la gente abbia preso tutto il resto… aggiungiamo poi che sono parecchio complicate per l’utente medio… metti la card da ricaricare in una fessura… la carta di credito da un’altra parte… maneggia lo schermo cercando di selezionare il biglietto giusto che vuoi… e poi magari la transazione di annulla perché quel giorno decide che il tipo di pagamento che vuoi usare tu non gli va di accettarlo chissà per quale motivo… altre volte finisce la carta e ti stampa la ricevuta su un biglietto oppure non te la stampa proprio… è impossibile capire se uno sta litigando con la macchinetta per fare un’operazione regolare o per manometterla perché in ogni caso andrebbe presa a calci e pugni!

Ne ho sentite di tutti i colori Oriana che ormai non mi meraviglia più nulla. Qui da noi sono riuscti a farlo con lo sportello delle poste che è attaccato alla caserma dei carabinieri :frowning:

I Carabinieri, soprattutto quando stanno imbiancando, sono una garanzia! ahahahaha

Quando ero in ufficio, ho letto un cartello che mi è sembrato una barzelletta: “La marca da bollo per il porto d’armi passa da 14,6x Euro (vecchio importo) a 16 Euro (nuovo importo).” Per delle persone normodotate “da… a” dovrebbe essere sufficiente a distinguere tra il prima e il dopo, mentre per loro, a conferma delle peggiori barzellette, è stato specificato il “nuovo importo”!!!

:rotfl::rotfl: oddio…li scelgono con il lanternino mi sa

Adesso non ridete ma da quando sono a casa e da quando vedo solo rai 1 nella televisione della cucina mi sto guardando Don Matteo … Oddio se i carabinieri sono veramente cosi sono uguali alle barzellette su di loro

A mio marito una volta un carabiniere gli ha contestato che nel libretto di circolazione non c’era la foto…al che lui ha risposto "la mia o quella della macchina? " :rotfl::rotfl::rotfl:

:smiley:

:smiley:

:biggrin (2): :biggrin (2): :biggrin (2): :biggrin (2):