Piadina Snack : la piadina romagnola diventa fritta!

Tutti noi conosciamo da sempre la piadina romagnola e sicuramente tutti l’hanno assaggiata almeno una volta…ma ora c’è una novità : la piadina è diventata uno snack … fritto!

Eh si, proprio fritto…e questa idea geniale è dovuta all’intuito della sua creatrice, Erika Vandi, che grazie alla precedente esperienza nel mondo della piadina ha avuto la felice intuizione di rendere questo prodotto tipico romagnolo uno snack semplice ma sfizioso e che fosse unico, senza conservanti , croccante e speciale!

I bastoncini di piadina fritta sono una simpatica alternativa alle solite patatine o altri snack in commercio : rispettano la tradizione e allo stesso tempo abbiamo un prodotto unico e originale.

Il prodotto finale è artigianale e tutti i suoi ingredienti sono lavorati a mano e provenienti dal territorio romagnolo.

I suoi componenti sono tipici della piadina : farina di frumento, acqua, strutto e sale per la variante classica mentre abbiamo dell’olio extra vergine d’oliva per la variante con olio.

Entrambe le tipologie artigianali sono fritte nell’olio di girasole altoleico.

Un nuovo metodo di cottura a bassa temperatura consente di avere un prodotto con tutte le caratteristiche organolettiche degli ingredienti originali.

Inoltre la sua forma particolare permette di essere accompagnato con qualunque contenitore ed essere adatto in varie occasioni dove lo snack è sempre gradito.

Le confezioni sono da 70 grammi o in secchiello da 1 kg.

Per ulteriori informazioni e soprattutto per visitare il loro shop online dove potete acquistare le piadine snack vi consiglio di dare un’occhiata al loro sito www.piadinasnack.com.

Avendo assaggiato entrambe le tipologie di Piadina Fritta non posso certo negare che è un ottimo prodotto …davvero sfizioso e intrigante!

Purtroppo appena ho iniziato ad assaggiare ho rischiato di non fermarmi più perché erano irresistibili! Se vi ho incuriosito non dovete fare altro che assaggiarle anche voi…non ve ne pentirete sicuramente!

1 Mi Piace

grazie