UNIVERSITA PRIVATA/ONLINE

Buongiorno ragazze, vorrei un consiglio soprattutto da chi ha esperienze in merito. Sono una lavoratrice a tempo pieno (minimo 8 ore al giorno) per scelta, ma adesso mi rendo conto che per la mia carriera una laurea sarebbe davvero utile… Sono residente a Milano e qui è davvero pieno di Uni, qualcuna di voi sa se ci sono delle facoltà dove c’è il totale esonero della frequenza per chi come me davvero non può? Cosa ne pensate invece delle università online quali Uninettuno ecc (Ecampus molti pareri negativi in giro)?

:eek:

io ho esperienza di università on line, infatti un mio parente si è laureato con l’Unimarconi, non frequenti le lezioni fisicamente lo puoi fare on line, hai un tutor che ti segue, gli esami li puoi fare anche a Milano (ci sono comunque sedi diverse) a Milano sono esami scritti, le spese dipendono dalla facoltà ma se tieni conto che nelle università tradizionali devi poi comprarti i libri non ci sono molte differenze

io avevo provato con Uninettuno ma non ho avuto neanche il tempo di iniziare che mi hanno trasferito all’estero…adesso che finalmetne sono in Italia voglio provare… Ma i libri si reperiscono facilmente? Diciamo che sarebbe davvero fantastico e dalla tua esperienza vedo che si riesce, con molto impegno ovviamente

La mia esperienza universitaria è un po’ datata (mi sono laureata in Economia Aziendale nel 2001, vecchio ordinamento). Da noi non c’era l’obbligo di frequenza per nessuna materia, nonostante fosse vivamente consigliata. I frequentanti, però, erano agevolati in sede d’esame perché potevano sostenere gli scritti coi “compitini” (solitamente due scritti su metà programma ciascuno) in date fisse e, a volte, l’orale era solo su una porzione di programma (di solito la seconda parte).

Solitamente l’obbligo di frequenza era per le facoltà con i “laboratori”…

Tu cosa vorresti fare?

Io avevo iniziato con Informatica (molto molto pesante), anche se mi sarebbe piaciuto molto Interpretariato come alternativa (ma ci sono laboratori) Diciamo che ci tengo davvero a fare questo percorso, sia per soddisfazione personale che altro Ah quindi le Uni non private un qualche aiutino lo danno ai “non frequentanti”

Io ho frequentato un’università privata (bocconi)… secondo me più che l’ateneo, è il tipo di indirizzo di studi che influenza la necessità o meno di frequentare le lezioni. in facoltà come giurisprudenza o lettere, solitamente, c’è meno la necessità di stare in aula rispetto ad informatica, architettura e simili (una mia amica che faceva disegno industriale aveva continuamente laboratori)

si è assolutamente vero, allora prima di darmi all’Online farò magari una visitina a Iulm e uni varie…magari poi decido. Il periodo è giusto ho un paio di mesi se voglio andare in una normale Uni invece quella online posso decidere anche ora ed iniziare a studiare durante le ferie…

secondo me è la cosa migliore vai in segreteria, chiedi i programmi dei corsi, i costi, raccogli info e poi decidi.

grazie mille Ori e Giuly :heart:

Io studio giurisprudenza in un’università statale, nessun obbligo di frequenza, a volte ci sono differenze nei programmi d’esame tra frequentanti e non, ma quello che serve è tanta, ma tanta voglia di studiare per esami che spesso superano le 1000 pagine…inoltre serve parecchio tempo. Io ho ripreso i miei studi dopo diverse esperienze lavorative, mentre lavoravo non riuscivo a studiare e a sostenere gli esami perché i miei sono davvero pesanti e richiedono molta concentrazione…che difficilmente riuscivo a trovare dopo 8 ore di lavoro :bye:

Cavoli Ire i malloppi da studiare di Giurisprudenza sono famosi!! Ci vuole davvero molto ma molto impegno e dedizione, e anche tanti sacrifici… adesso vedo un po di informarmi anche dei costi, perché ovviamente non riuscirò mai in tempi brevi quindi devo un po’ vedere di non spingermi oltre

i libri li scarichi on line nella sezione dedicata a te (ti danno nr. utente e pass) l’esperienza che posso raccontarti è senz’altro positiva, come ti ho detto gli esami il mio parenti li ha dati a Milano mentre per la tesi è andato a Roma nella sede dell’Università, ha discusso la sua tesi davanti ai prof e poi gli hanno rilasciato il diploma di laurea

Informati bene perché i costi tra tasse (da noi 1.400 euro l’anno) e libri sono davvero alti :dodgy:

Bhe dai allora è una bella possibilità quella dell’uni Online, diciamo che è studiata apposta per coloro i quali lavcorano e non possono di certo frequentare…adesso butto un occhio sui vari siti/costi e vedo almebno di fare un paragone…non dico che vorrei riuscure a laurearmi entro i tempi ma almeno prendere la triennale in max 5 anni… Max davvero

Di notte fanno anche le lezioni sulla Rai di Uninettuno :smiley:

Anche io mi ero informata sulle università online (quando ancora lavoravo) però avevo pensato “se sul cv metto il nome dell’università privata online non è che ai colloqui pensano chissà cosa?” :uhm:

A mio parere, se uno ha la possibilità è preferibile un’università fisica! :smiley: Tanti miei colleghi lavorano e l’hanno scelta (ma è solo la mia opinione)

Ivy su questo mi sono informata anche io, il certificato di laurea lo rilascia l’università dove hai dato esami/tesi, quindi nel mio caso Uni più vicina sceglierei Iulm Anche Ire ha ragione, in questi giorni chiederò un po’ di colloqui con le varie segreterie, sono proprio intenzionata e spero di riuscire a mantenere questa grinta

Vittoria la cosa più importante è la motivazione, se sei motivata ce la farai senza problemi :incrocia:

io mi sono laureata in giurisprudenza nel 2009, e non c’era necessità di frequentare. L’unico esame che era impossibile da sostenere senza frequentare era economia politica, perchè allo scritto c’erano esercizi che solo sui libri erano difficile da capire. Per le altre materie puoi anche non frequentare. Prima di giurisprudenza ho seguito le prime lezioni di lettere, e lì c’era l’obbligo della frequenza per tutti i corsi, e, almeno le prime 3-4 lezioni a cui ho assistito, facevano mettere la firma. Chi non poteva frequentare doveva parlare con il professore ed accordarsi per un programma diverso. Non so se nel frattempo le cose sono cambiate.

Ti consiglio di vedere sul sito dell’università se c’è scritto dell’obbligo di frequenza, e di tenere d’occhio quando fanno le cd ‘‘porte aperte’’ (in genere sempre in questo periodo), così in una volta sola chiedi tutte le info

da noi fanno delle giornate di orientamento i primi di settembre, di solito sono molto utili per avere tante info